Nel 2014 la “Commissione luterana-cattolica sull’unità” operante in Germania elaborò un documento nella prospettiva di una commemorazione comune del 500° anniversario della Riforma nel 2017. Il documento, dal titolo “Dal conflitto alla comunione”, voleva offrire un’occasione per affrontare, come affermano gli estensori del testo, due sfide inevitabili dopo cinquecento anni di storia di lotte e di tentativi di dialogo: “ la purificazione e la guarigione delle memorie e la restaurazione dell’unità dei cristiani secondo la verità del  vangelo di Gesù Cristo”. Consapevole che il traguardo dell’unità non è stato ancora raggiunto, la Commissione afferma di aver preso sul serio le parole di papa Giovanni XXIII: “Ciò che ci unisce è molto più di ciò che divide”  e invita allo studio del documento per raggiungere “una più profonda comunione di tutti i cristiani”.

Il SAE di Piacenza ha deciso di accogliere questo invito dedicando allo studio del documento il seminario di quattro incontri mensili (da febbraio a maggio) ogni anno riservato ad affrontare una tematica teologica di interesse ecumenico. In questo modo si pensa di commemorare nel modo più ecumenico e più proficuo la Riforma di Lutero, un evento che dal 1517  cambiò la vita della chiesa e la cultura occidentale e che cinquecento anni dopo, grazie agli studi storici e le mutate condizioni religiose e culturali del nostro tempo, assume ben altro significato. Forse è l’occasione per abbattere qualche pregiudizio e per scoprire che tutti siamo colpevoli dinanzi a Cristo di avere infranto l’unità della Chiesa.

Il quarto e ultimo incontro avrà luogo giovedì, 18 maggio, alle ore 17.30 presso la sede del Gruppo, il Convento dei Minori Francescani, in Piazzale delle Crociate, 5, Piacenza. La partecipazione al seminario è aperta a tutti.

Per prendere visione del programma completo clicca qui.

 

L’irresistibile corsa del Vangelo da “Gerusalemme… fino ai confini della terra”

Atti degli Apostoli (capitoli 15,1-28,31)

 

Ha ripreso sabato, 1° ottobre, l’attività del gruppo SAE che, come ogni anno, propone a tutti coloro che sono interessati il proprio corso biblico. Il libro della Bibbia oggetto di lettura, studio storico-critico, dibattito ed attualizzazione è la seconda parte degli Atti degli Apostoli (capitoli 15,1-28,31), a completamento dello studio effettuato nell’anno sociale 2015-2016.

Il libro degli Atti, che illustra “l’irresistibile corsa del Vangelo da “Gerusalemme… fino ai confini della terra”, è un testo fondamentale per capire l’origine della fede trasmessa dagli apostoli a cui il Risorto ha affidato il compito di diffondere l’annuncio del Vangelo.

Lo scorso anno lo studio dei primi quattordici capitoli ha permesso di cogliere lo svolgimento degli eventi dall’annuncio ai soli Giudei di Gerusalemme all’annuncio sempre ai soli Giudei della Giudea e della Samaria, all’accoglienza di qualche non Giudeo nella comunità credente, all’annuncio senza restrizioni e condizioni ai non Giudei, cosicché l’annuncio del vangelo divenne da puro evento intragiudaico evento universale, senza perdere per questo la sua radice ebraica.

Quest’anno lo studio dei rimanenti quattordici capitoli permetterà di cogliere lo svolgimento degli eventi dal “concilio degli apostoli”, in cui si sancisce il diritto per i credenti non giudei di entrare nell’unico popolo di Dio per la sola fede in Gesù Cristo, alla missione di Paolo a Filippi, ad Atene, a Corinto e ad Efeso fino all’arresto dell’apostolo, in viaggio per Roma, a Gerusalemme e al suo arrivo a Roma, il centro dell’ekumene, in cui culmina la corsa vittoriosa del vangelo.

Il corso biblico promosso dal SAE, che si avvale da più di quarant’ anni della competenza di Padre Giuseppe Testa c.m., è nato dal desiderio di favorire il dialogo ecumenico approfondendo la conoscenza della Sacra Scrittura, la fonte prima di ogni dialogo tra le confessioni cristiane che nella Bibbia riconoscono il fondamento della loro identità. Per la sua impostazione si propone di approfondire e di attualizzare la Sacra Scrittura in modo che i testi biblici, nati in un preciso contesto culturale, possano, opportunamente attualizzati, parlare all’ uomo di oggi e orientarlo nel pluralismo della cultura contemporanea. Per questo il SAE ha offerto ed offre a tutti l’opportunità di fruire del corso biblico, che si articola in otto incontri, ogni primo sabato del mese, da sabato 1° ottobre 2016 a sabato, 6 maggio 2017, dalle 15.30 alle 17.30. Gli incontri hanno luogo a Piacenza presso il Convento dei Minori Francescani, Piazzale delle Crociate, 5.

Poiché di ogni incontro vengono effettuate le dispense, anche coloro che non hanno avuto l’ opportunità di seguire il corso dello scorso anno possono recuperarne i contenuti.

Gli insegnanti di tutte le materie possono acquisire, tramite la frequenza al corso, un attestato riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione essendo il SAE accreditato presso questo ministero per la formazione del personale della scuola.

Per conoscere il programma dettagliato clicca qui

Sabato 6 maggio ci sarà l'ottavo e ultimo appuntamento del corso biblico.Tema della lezione sarà:

L’arrivo di Paolo a Roma:  la corsa vittoriosa del vangelo, iniziata da Gerusalemme per i soli Giudei, è arrivata per tutti a Roma, il centro dell’ ekumene, della “terra abitata”
                                       At 27,1-28,31